Cellulite

La cellulite è da considersi una malattia a tendenza progressivamente evolutiva coinvolge il connettivo e il tessuto adiposo,
è una problematica esclusivamente femminile perchè è determinata dall’azione di fattori ormonali di tipo estrogenici.
Nelle donne il grasso ha una disposizione di tipo ginoide(nei fianchi e nelle cosce)e rappresenta circa il 22% della  massa corporea,
e rilevabile nelle aree adipose delle zone a “rischio cellulitico” una maggiore permeabilità capillare che si accentua nel periodo premestruale aumentando cosi una microstasi venosa e linfatica, da qui può evolvere in cellulite di:
– PRIMO STADIO “CONGESTIVO”
caratterizzato da stasi venosa e linfatica, ipossigenazione e drenaggio insufficiente dei liquidi interstiziali, accumolo di liquidi nei tessuti con conseguente aumento di volume degli adipociti per accumulo di trigliceridi, dissociazione delle fibre elastiche nel connettivo.
– SECONDO STADIO “ESUDATIVO-INFILTRATIVO”
Aumenta lo stato di ipossia ed edema interstiziale favorendo la degenerazione nel  derma delle fibre di collagene ed elastina,l’epidermide si assottiglia e disidrata e si evidenziano i micronoduli.
– TERZO STADIO”ORGANIZZATIVO-FIBROSO”
l’evolversi della stasi provoca l’inspessimento del tessuto connettivale accompagnato da un blocco quasi totale dell’eliminazione dei cataboliti, le fibre di collagene ed elastina sempre più alterate formano una trama compatta che soffoca gli elementi vascolari e cellulari,ostacolandone le funzioni vitali, i micronoduli possono diventare macronoduli
– QUARTO STADIO “FIBROSO-CICATRIZIALE”
il tessuto si addensa racchiudendo senza più organizzazione;scorie ,elementi nutritivi stagnanti, acqua e grassi, a livello del derma si possono rilevare infossamenti che conferiscono alla pelle l’aspetto a trapunta o a materasso, il tessuto ora è caratterizzato da processi a senso unico, dove tutto si accumula e poco si riesce ad eliminare.
A queste modifiche strutturali corrispondono inestetiche alterazioni dell’aspetto esterno della figura:
– modificazione simmetrica del profilo in corrispondenza delle zone interessate dall’inestetismo;
– pelle a buccia d’arancia;
– epidermide assottigliata e disidratata;
– ipotermia e pallore nella zona interessata;
– pelle a trapunta o a materasso e dolorosa al tatto negli stadi più avanzati.
L’età nella quale si manifesta la cellulite è caratterzzata sempre da alterazioni ormonali:
“pubertà”, “età adulta” <sopratutto se si ha una gravidanza> e “menopasa”
Le cause della cellulite si suddividono in:
– CAUSE INTERNE
ereditarietà, ipotiroidismo ,insufficienza venosa, piedi piatti, problemi posturali, stipsi, insufficienza renale ed epatica, ma sopratutto squilibri ormonali, menopausa e gravidanza.
– CAUSE ESTERNE
alimentazione scorretta (ricca di sale, zuccheri e grassi), fumo, alcol, uso di pillola anticoncezionale e cortisonici, indumenti troppo stretti, vita sedentaria (anche stare troppo tempo in piedi o seduti perchè si rallenta il ritorno venoso), lo stress perchè può far aumentare i livelli di estrogeni e cortisolo (e quindi la ritenzione idrica), le intolleranze alimentari,

CURE E SOLUZIONI ESTETICHE PRATICATE NEL NOSTRO CENTRO
(il protocollo dei trattamenti e personalizzato e scelto dopo un’attenta anamnesi)

Osmosi

Radiofrequenza frazionata, monopolare e bipolare

Onde d’urto

Vacuum

Pressoterapia

Pressoterapia ad infrarossi

Elettrostimolazione

Bioslimming Slender

Germaine de Capuccini Change

lo studio dell’anamsi e delle abitudini di vita  della paziente è importantissimo perchè da la possibilità  di curare e correggere le cause che hanno dato origine all’inestetismo.
Importante è bere 2 litri di acqua al giorno, alimentarsi in modo sano (frutta <a basso indice glicemico> verdura, ortaggi, carne bianca, pesce, carboidrati integrali, e legumi >, limitare i carboidrati, i latticini, le uova, prosciutto crudo, cotto e bresaola, carne rossa>, cercare di eliminare gli insaccati <mortadella ,salame,pancetta ,ecc.>, i formaggi salati, fritture, dolci,ecc.
Praticare sempre un’attività fisica <consona allo stato di salute, all’età, al grado di allenamento> farsi sempre consigliare da un esperto per evitare sport che possano peggiorare il problema e creare danno al sistema venoso.